Il Romanticismo

Il termine “Romanticismo” è oggi usato con una duplice accezione: per alcuni studiosi definisce una categoria storica, ovvero un intero periodo, per altri descrive un determinato movimento artistico e culturale, dotato di una sua poetica, di gruppi di intellettuali specifici e di manifesti programmatici. Tuttavia un vero e proprio movimento romantico non esiste: si può piuttosto parlare di scrittori e pensatori, concreti e individuali, l’uno diverso dall’altro anche se con punti di contatto.

La visione del mondo romantico

Nonostante le peculiarità di ciascun artista e le differenze notevoli della cultura romantica , si possono individuare alcune tematiche presenti nella maggior parte delle opere romantiche.

La cultura romantica è caratterizzata dall’insistere sulle tematiche negative: il dolore, la malinconia, il tedio, l’inquietudine, l’angoscia, la paura, l’infelicità individuale e cosmica, la delusione, il disgusto, il rifiuto della realtà, il fascino del male, della morte e del suicidio, l’orrore, l’ambiguità, il mistero.

L’esplorazione dell’irrazionale si manifesta in attenzione per i sentimenti e la passionalità e per gli stati psichici che fuoriescono dalla normalità: il sogno, l’allucinazione, il delirio, la follia. Essi costituiscono dimensioni alternative alla piattezza e convenzionalità del vivere e sono i canali attraverso cui l’io entra in contatto con l’ignoto e il mistero.

Questa esplorazione delle zone d’ombra della mente dà vita ad un soggettivismo esasperato: il mondo esterno non esiste, è solo una proiezione o creazione dell’io. Il mondo viene guardato con distacco, nella consapevolezza che è solo una invenzione dell’io e che quest’ ultimo lo può disfare a suo piacimento.

Il soggettivismo e il rifiuto della realtà esterna portano a una tensione verso l’infinito, a una insofferenza cocente per ogni limite e costrizione, all’ansia mistica di superare barriere e confini e nel desiderio fortissimo di attingere alla vera essenza delle cose.

Il Romanticismo segna un ritorno alla religiosità, al misticismo, anche alla superstizione, in netta contraddizione con le teorie positiviste, illuministe e atee diffusesi a quel tempo: più spesso però esplora il soprannaturale e le forze oscure e ignote. Si celebra la figura del Male che esercita un forte fascino sull’anima dei romantici: il sonno, i mostri, le paure recondite sono i temi privilegiati del filone “nero” del Romanticismo.

Una delle tendenze fondamentali del movimento è inoltre l’esotismo, che consiste nel vagheggiare luoghi sconosciuti e lontani, resi seducenti proprio dalla loro distanza e diversità; i luoghi mitici dell’immaginario romantico divengono l’Oriente lussurioso, le Americhe ancora poco conosciute e i mari del Sud. L’esotismo può essere non solo spaziale ma anche temporale: molte sono le opere romantiche che si trasferiscono idealmente in altre epoche e culture, scegliendo come mete più ambite il Medio Evo cavalleresco e la Grecia antica.

Aspirazione prediletta dal Romanticismo è il mito dell’infanzia: il mondo infantile è un paradiso perduto di innocenza e purezza in cui il rapporto con le cose è fresco e immediato, e caratterizzato da un benefico senso di meraviglia e stupore. Affine al mito dell’infanzia è quello del primitivo, inteso come deposito di autenticità e spontaneità contro la contaminazione e malizia della civiltà moderna.

Le opere romantiche conferiscono grande importanza ai loro protagonisti, che sono visti in tutto e per tutto come eroi eccezionali. L’eroe può essere il ribelle solitario che, orgoglioso della sua superiorità spirituale, si fa beffe della mediocrità, sfugge la volgarità e cerca di superare ogni limite per affermare la propria libertà ( titanismo); o ancora può essere una vittima, perché, essendo dotato di sconfinante intelligenza e sensibilità, è per questo emarginato e tacciato come diverso.

Arte, letteratura, romanticismo, Scanno

Per partecipare al progetto, unire le energie per lo stesso risultato visita il link sottostante.

Per partecipare al progetto

Copyright Associazione Cuturale InAbruzzo ONLUS -Aielli  (Aq)-

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: